Perché come libero professionista dovresti avere un obiettivo di vendita.

Pubblicato il 7 Agosto 2018

 
Un nuovo anno per la maggior parte delle persone è ricco di nuove soluzioni. Tuttavia: nella terra del freelance, qualcosa di assolutamente essenziale è spesso assente: gli obiettivi di fatturato. Ci sono ancora molti liberi professionisti che non fissano obiettivi di fatturato per l'anno successivo. Non commettere errori a riguardo, le conseguenze sono serie. Gran parte dei lavoratori autonomi in Italia non sono in grado di guadagnare abbastanza per mantenersi; per assorbire dei contraccolpi finanziari o occuparsi della loro pensione. In questo articolo puoi capire perché, come libero professionista, dovresti assolutamente avere un obiettivo per fare soldi.
 

Non lasciare il tuo fatturato al caso 

Il motivo più importante per avere un obiettivo di vendita o un obiettivo di fatturato come freelance è che il tuo giro d'affari non dovrebbe essere una coincidenza. Il fatturato (e il profitto) deve essere il principio guida della tua azienda, perché senza di essa non hai un'azienda. Naturalmente: offrire un buon valore ai tuoi clienti e avere una passione per ciò che fai è importante. Ma fare soldi facendo queste cose è ciò che lo distingue da un hobby o da un lavoro di volontariato.

 
Ottieni un CONTROLLO sulle tue entrate

 
Se ritieni di non avere un'azienda senza entrate, portare i soldi dovrebbe essere la priorità numero uno per la tua azienda. Non vuoi lasciare qualcosa di così importante al caso. È essenziale avere CONTROLLO sulle tue entrate. Tutto ciò inizia con l'impostazione di un obiettivo di entrate. E da quel momento in poi, stabilisci cosa serve per arrivarci.
 

Molti dei lavoratori autonomi sono a disagio nell'impostare obiettivi di vendita.

 
Dopotutto, si tratta di determinare cosa si vuole guadagnare. E in questo processo, consciamente o inconsciamente, sorgono tutti i tipi di ostacoli, dubbi e convinzioni:
 
Cosa è "realistico"? Posso davvero farlo? Non dovrei fare più X o avere più Y? Cosa voglio veramente? Di cosa ho veramente "bisogno"? Cosa è "consueto"? Cosa guadagnano gli altri freelancer? Le mie tariffe mi rendono non competitivo sul mercato? Che prezzo è "ragionevole"? E cosa vorrei in profondità volere segretamente, ma merito davvero di guadagnare così tanto?
 

Questi sono i pensieri che ti impediscono di far crescere il tuo business e di avere successo.

 
Molti lavoratori autonomi hanno bisogno di imparare come prendere. Per cogliere, certo: non solo dovresti imparare a dare e ricevere denaro, ma devi anche imparare come ottenerlo. Potrebbe esserci qualche tabù in giro per l'Italia: potrebbe essere confuso con l'avidità, il materialismo o persino il furto. Nessuno vuole essere così. E così lasciamo la buona frutta appesa, mentre è lì per essere raccolta.
 
Tuttavia: se vuoi mantenerti come libero professionista, allora è essenziale che tu:
a) determini cosa vuoi guadagnare e fortunatamente non avrai bisogno di alcun permesso.
b) senti di valerne la pena, indipendentemente da ciò che dicono gli altri o da ciò che è "normale". Smetti di pensare in piccolo.
c) focalizza tutte le tue azioni in modo specifico sul raggiungimento effettivo di questo obiettivo.
 

Determina quanto vuoi guadagnare

 
DAVVERO: cosa vuoi fare? Quanti profitti vuoi fare e quanto ne vuoi dare a te stesso? Cosa vuoi fare con questi soldi? Che investimenti vuoi fare? Quali costi dovrebbero essere ampiamente coperti? È € 50.000 all'anno? O € 2.000.000? Renderlo concreto e dargli la priorità che merita per la tua azienda.
 
E attenzione: non fissare i tuoi obiettivi troppo bassi. Essere autonomi significa correre più rischi che avere un lavoro. Investite e pagate per cose: attrezzature, materiali, esperienza e formazione. Forse un edificio, una macchina. Il tuo marketing e promozione, competenze (esterne) come un avvocato o un contabile, ecc. Devi anche salvare. La pensione. Assicurazioni. Assottigliamento battute d'arresto. Se ti ammali, avere un reddito sufficiente. E così via.
 

Un obiettivo di entrate deve essere una sfida, in modo che ti muova davvero.

 
Sfido i miei clienti a puntare le loro entrate ad almeno € 100.000 all'anno. Oppure, quando stanno già facendo questo importo, a raddoppiarlo. In ogni caso, il nuovo obiettivo è stare fuori dalla loro zona di comfort. Questo li sfida a compiere passi più grandi, a superare le paure, a far crescere la fiducia in loro stessi e ad ottenere risultati più grandi di quelli che avrebbero se si ponessero obiettivi facili da raggiungere.
 

Vai da COSA vuoi guadagnare a COME vuoi guadagnare.

..e cosa stai vendendo. A quale prezzo. E a chi. Quale attività di marketing è necessaria per questo? E quando lo farai? In questo modo è possibile decidere rapidamente quali azioni sono necessarie e se si è sulla buona strada - o se è necessario regolare, ecc. E quindi fare un programma di pianificazione giornaliera concreto.
 

Supponiamo di voler guadagnare € 100.000 all'anno.

Questo è possibile da ottenere vincendo un cliente da € 100.000, due da € 50.000, dieci da € 10.000, venti da € 5.000, cento da € 1000, ecc. Che valore puoi dare ai tuoi clienti per raggiungere questo obiettivo? E: a chi merita la tua competenza?
 
In bocca al lupo!
 
Scritto da Anne Quaars
Tradotto da Johannes Visser


Devi accedere per inviare un commento.

Risposte

Non ci sono ancora commenti su questo blog.

Scarica l'app gratuita di Freelancer

Disponibile sull'App Store
Disponibile su Google Play